Cosa Sono le Scritture Private

Che cos’è una scrittura privata? Certamente coloro che si trovano nella condizione di svolgere qualche pratica burocratica possono essersi imbattuti in questa terminologia pur non sapendo con precisione di che cosa si tratti, quali caratteristiche debba avere una scrittura privata e cosa significhi il concetto di “autenticazione”.

Sono questi gli argomenti che vogliamo affrontare in questo articolo, il quale si pone come breve guida sull’argomento.

Registrare la scrittura privata: come fare
Iniziamo a spiegare questo tema cercando di definire il concetto di scrittura privata. Nel diritto italiano la scrittura privata consiste in un documento redatto per scritto, sia su carta che attraverso l’utilizzo di device elettronici, e che è stato sottoscritto dall’autore stesso del documento, il quale deve apporre la sua firma leggibile in calce (non è valida né la sottoscrizione indecifrabile né il segno a X, in quanto tali firme non sono adeguate ad identificare precisamente la persona del sottoscrittore).
La firma va messa per intero sull’ultimo foglio (nel caso in cui vi fossero più pagine), mentre sugli altri fogli è sufficiente siglare. Come esempio è possibile vedere questo fac simile di scrittura privata.
La data può essere apposta sia dal notaio che accertata con il timbro postale.
Attenzione: non esiste una vera e propria definizione della scrittura privata per la legge civile e per la legge penale ed è per questo che la si può interpretare come una dichiarazione di volontà redatta da una persona che non sia un pubblico ufficiale.
Per quanto riguarda la registrazione della scrittura privata, essa è obbligatoria per gli atti non autenticati e che abbiano natura di negoziazione. La legge n.296 del 2006 presume che il mediatore che si sia occupato delle scritture non autenticate sia obbligato in solido ad occuparsi dell’atto della registrazione: è necessario consegnare all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate due copie in originale, una da tenere depositata nell’ufficio e l’altra da dare al soggetto in questione.

Le funzioni della scrittura privata
Abbiamo visto che il documento oggetto di questi paragrafi serve per attestare la volontà del firmatario. Tuttavia tale documento non ha un valore di prova legale, per questo motivo la legge ha messo a punto dei mezzi integrativi volti a dare maggiori rilevanza e certezza alla validità della scrittura stessa.
A questo pro, l’articolo 2702 del codice civile dispone la scrittura diventi efficace qualora la persona contro cui è stata prodotta la riconosca come valida, oppure se tale documento è stato riconosciuto legalmente, come avviene nel caso dell’autenticazione e del mancato disconoscimento durante una causa.

L’autentificazione della scrittura privata
Il documento della scrittura privata, come abbiamo anticipato, acquisisce valenza attraverso l’autenticazione, un procedimenti che consiste nell’apposizione della firma di un notaio (o di un altro pubblico ufficiale, come il console o il segretario comunale o provinciale), il quale verifica l’identità e la piena consapevolezza delle parti nella sottoscrizione dell’atto, sottoscrizione che avviene alla presenza del notaio stesso, come stabilito dell’articolo 2703 del codice civile.
Perché l’identificazione avvenga validamente le parti chiamate in causa devono presentare al pubblico ufficiale documenti identificatici validi. Naturalmente è anche possibile che l’atto sia redatto dal notaio stesso su indicazione dei soggetti coinvolti, qualora questi ultimi non si sentissero sicuri di scrivere adeguatamente il contenuto della scrittura.
Durante questo procedimento di validazione dell’atto il pubblico ufficiale ha il compito di accertare l’identità di coloro che sottoscrivono il documento (per verificare l’effettiva volontà di entrambe le parti di aderire all’iniziativa e ad ogni punto del documento) e anche la data di sottoscrizione.
Sottolineare la data è importante, in quanto la mancanza di questa informazione porta ad computare l’autenticazione soltanto successivamente agli accadimenti i quali rendono certa la formazione della scrittura privata.
Attenzione a non confondere la situazione appena descritta con il caso della scrittura privata riconosciuta. Questa seconda circostanza si verifica nel caso in cui il soggetto contro cui la scrittura è stata prodotta ne riconosca la validità del contenuto, come avviene nel caso in cui un creditore riconosce l’avvenuto pagamento di un debito da parte della persona che fino a quel momento è stata debitrice.
Un secondo esempio si trova nel caso in cui il soggetto contro cui la scrittura è stata redatta non la disconosca oppure nel caso in cui dichiari di non conoscerla nella prima udienza o nella prima risposta successiva alla redazione dell’atto stesso. Ciò implica che si può considerare legale anche il tacito riconoscimento.
Il tacito riconoscimento si verifica anche qualora la scrittura sia prodotta contro una persona assente e non reperibile.
Si può anche redigere una scrittura privata senza la firma, tuttavia in questo caso tale documento costituisce soltanto un elemento che può essere liberamente valutato dal giudice, senza che vi sua alcuna efficacia.
Infatti la firma permette di attestare concretamente le affermazioni in essa contenute, sebbene la forza di prova legale non si estenda al contenuto della scrittura.

Differenze tra la scrittura privata autenticata e semplice
Quali sono le differenze tra la scrittura autenticata e quella semplice? Nel primo caso è possibile contestare il documento, purchè chi vuole farlo si assuma l’onere di dimostrarne la non autenticità attraverso la querela di falso. Nel secondo caso, invece, in seguito al disconoscimento della persona che si presuppone abbia sottoscritto l’atto, è chi ha prodotto la scrittura che deve provare la veridicità e l’affidabilità del documento, attraverso l’istanza di verificazione.
Tuttavia vi sono due casi particolari in cui anche l’atto semplice non autenticato può essere considerato come valido ai fini probatori. Si tratta del caso già accennato del tacito riconoscimento, che si ha quando la parte contro cui si produce la scrittura non la disconosce o se è irrintracciabile, oppure del caso di verificazione della scrittura privata. In questa seconda eventualità colui che ha prodotto la scrittura semplice presenta appunto l’istanza di verificazione al giudice, ma solo basandosi sulla scrittura originale e non su una copia.

Quanto costa una scrittura privata
Concludiamo questa guida sulla scrittura esaminando il costo legato alla sua produzione.
Il processo di autenticazione prevede l’unica spesa legata all’onorario del pubblico ufficiale.
La registrazione, che si verifica quando si vuole appunto registrare la scrittura, prevede anche il costo legato all’imposta di bollo e alla registrazione dell’atto.

Read More

Come Diventare un Tecnologo Alimentare

La professione di tecnologo alimentare è regolamentata dalla Legge n. 59 del 18 gennaio 1994. Il tecnologo alimentare ha il compito di studiare, progettare, dirigere, sorvegliare e condurre impianti e processi di lavorazione di prodotti alimentari e biologici, anche in collaborazione con altri professionisti. Risulta essere un esperto dei processi di trasformazione e conservazione degli alimenti, con particolare attenzione agli aspetti nutrizionali dei prodotti, per i quali definisce gli standard da rispettare. Sono di sua competenza le operazioni di marketing, distribuzione e approvvigionamento delle materie prime e dei prodotti alimentari finiti, degli additivi e degli impianti alimentari. Si occupa della preparazione e della conservazione delle sostanze alimentari con l’obiettivo di migliorare la qualità e il gusto dei cibi e ridurre gli sprechi di processo e di materie prime.

L’articolo 2 della Legge 59/1994 elenca le competenze che deve avere il dottore tecnologo alimentare. In particolare rientrano tra queste
lo studio, la direzione e la sorveglianza dei processi di lavorazione degli alimenti e dei lavori per la ristorazione collettiva (mense aziendali, pubbliche e ospedaliere);
l’accertamento e il controllo di qualità nella produzione e trasformazione degli alimenti;
lo svolgimento di analisi sui prodotti alimentari e matrici correlate;
la pianificazione della produzione alimentare;
la partecipazione a programmi internazionali di sviluppo agroalimentare;
la direzione e la gestione di imprese che operano nel settore della produzione, trasformazione, conservazione e commercializzazione degli alimenti, della divulgazione e dell’informazione alimentare;
le ricerche di mercato;
le perizie nel campo alimentare presso i tribunali.

Il tecnologo alimentare deve sempre tenersi aggiornato sulla normativa e sulle innovazioni tecnologiche dell’industria alimentare. Infine, deve avere una particolare propensione per l’analisi e la sperimentazione in laboratorio.

Il titolo di studio richiesto per esercitare questa professione è la laurea magistrale in “Scienze e tecnologie alimentari” o quella in “Scienze delle preparazioni alimentari”. E’ possibile iscriversi a questi due corsi dopo aver conseguito la laurea di primo livello in “Tecnologie alimentari”.
Questi corsi sono attivati in molte Università italiane presso le Facoltà di Agraria. L’offerta formativa è piuttosto varia e le denominazioni dei corsi di laurea sono attribuite direttamente dalle università, per cui risulta difficile elencare tutti i corsi attivati dalle varie facoltà.

Dopo aver conseguito la laurea in “Scienze e tecnologie alimentari” o in “Scienze delle preparazioni alimentari” si ottiene il titolo di Tecnologo Alimentare, con il quale si può accedere all’esame di Stato.
La Legge n. 59/1994 stabilisce infatti che l’esercizio della professione deve essere subordinato al conseguimento dell’abilitazione per la quale, oltre all’esame di stato, è prevista l’iscrizione all’Albo, le cui disposizioni in materia sono contenute nel Decreto del Presidente della Repubblica n. 283 del 12 luglio 1999[. Il regolamento che disciplina gli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio di questa professione è fornito dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 470 del 18 novembre 1997.
Il Consiglio dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari promuove presso enti, pubblici e privati, il ruolo del Tecnologo Alimentare garantendone la professionalità. Gli iscritti all’Albo, dipendenti dello Stato o di un’altra pubblica amministrazione, ai quali è consentito l’esercizio della libera professione, sono soggetti alla disciplina dell’Ordine solo per quanto riguarda tale esercizio.
Gli iscritti a un albo regionale possono esercitare la loro professione in tutto il territorio dello Stato.
L’Ordine dei Tecnologi Alimentari è istituito per legge in ogni regione ed è posto sotto la vigilanza del Ministero della Giustizia.

Read More

Come Fare Pubblicità sugli Automezzi

La pubblicità su automezzi è sicuramente uno dei modi migliori di fare conoscere la propria attività a potenziali clienti e dare un’immagine di professionalità al vostro personale quando è in giro per consegna o prestazioni.

Le tecniche di stampa attuali permettono di coprire anche maniera completa i vostri automezzi, rendendoli visibili anche da una certa distanza e riconoscibili se avete azzeccato bene la scelta dei colori e dei motivi ornamentali.

La tecnica più economica per personalizzare gli automezzi è quella delle scritte adesive, possono essere attaccate sia solo sui vetri che anche sulla carrozzeria, non va dimenticato che la scritta deve essere di buona qualità altrimenti dopo qualche mese di esposizione al sole si restringe, lasciando un alone di colla che esteticamente è veramente sgradevole.

Non va dimenticato che posizionando la scritta sulla carrozzeria rimarrà poi un alone anche se si rimuovono le scritte; questo alone può essere eventualmente parzialmente mascherato applicando altre scritte oppure con un adesivo coprente più grande che potrebbe anche essere una fotografia o un disegno.
In alcuni comuni è necessario richiedere autorizzazioni all’ufficio pubblicità e eventualmente pagare una piccola tassa, vale sicuramente la pena per il ritorno pubblicitario che ne deriva

Il costo per decorare il propri automezzi varia molto a seconda della tecnica utilizzata, è comunque sicuramente un ottimo investimento se vengono fornite tutte le informazioni importanti come numero di telefono e indirizzi di siti Web e indirizzi e-mail.

Si possono anche realizzare automezzi con una parte coperta da un adesivo molto grosso con disegno fotografie e un’area bianca nella quale possono essere attaccate delle scritte adesive che vengono sostituite periodicamente per evidenziare offerte o promozioni.

Non dimenticate che spesso i vostri automezzi possono essere fermi nel traffico e chi dietro potrebbe anche essere interessato alle vostre offerte ma deve poter leggere velocemente le indicazioni fondamentali come il numero di telefono e l’eventuale indirizzo Web.

Evitate quindi scritte piccolissime sul retro perché spesso non vengono lette.
E anche possibile realizzare delle scritte adesive attaccate su supporti magnetici che possono essere posizionate e rimosse quando non sono necessarie, come ad esempio un’automobile che nel fine settimana viene utilizzata per uso personale e non necessita di scritte o pubblicità.

Se avete un veicolo aziendale non perdete l’occasione di trasformarlo in un veicolo di pubblicità.

Read More

Come Avvicinarsi ai Propri Clienti

Le nuove tecnologie hanno rivoluzionato completamente il modo di lavorare e hanno cambiato la vita di tutti, spesso in modo positivo ma ci obbligano a tenerne conto, anche se possono non piacerci.

A volte la loro influenza non è diretta, ma agisce comunque molto; un esempio pratico a livello genovese è la chiusura per spostamento su Internet e call center della sede Telecom di Brignole. La chiusura ha ridotto notevolmente il flusso di clienti nei locali della zona creato da chi si recava negli uffici, e dai dipendenti che consumavano i pasti.

Indipendentemente da questi esempi estremi le nuove tecnologie possono essere una arma molto utile a favore, ma anche contro, per chi deve far tornare i Clienti tutti i giorni.

Esaminiamo qui alcuni modi di utilizzo di Internet e cellulari per aumentare e fidelizzare la Vostra Clientela.

Incrementare le consegne a domicilio – Take Away
Sono la più vecchia tecnica di avvicinarsi al Cliente e, nonostante gli anni continuano a funzionare.
Sicuramente è possibile incrementarle, sia ricordando ai Clienti che esiste questa possibilità che evidenziando la possibilità del Take-Away per i piatti più adatti.
Non dimenticate che alcune grandi catene di franchising hanno iniziato proprio così.

Sfruttate meglio il sito web, o createne uno
Ormai il sito web è diventato quasi un obbligo se volete restare alla pario con i tempi, ovviamente potete averne di tantissimi tipi e con funzioni diverse, ma se pensate di farvi pubblicità non dimenticate che molte persone quando ricevono del materiale pubblicitario la prima cosa che fanno è guardare se è indicato il nome del sito, e prima di provare il vostro caffè…provano il vostro sito.
Se dal vostro sito i Clienti possono anche ordinare o prenotare, è anche meglio!

Create una Pagina Facebook per il vostro locale
Ormai tantissimi locali hanno una loro pagina Facebook per tenersi in contatto con i loro Clienti.
E’ una grande possibilità che conosce bene chi già la utilizza. Il marketing su Facebook sta diventando una tecnica specializzata, ad esempio nella nostra biblioteca digitale abbiamo quasi cento libri solo su questo argomento ( Li stiamo leggendo piano piano..)
Una annotazione fondamentale da fare su Facebook è che è IMPORTANTISSIMO postare solo foto dei Clienti se si ha una loro autorizzazione scritta o palese ( ad esempio vi inviano loro la foto scrivendo che la potete pubblicare o gli chiedete via messaggio di poterlo fare) perché rischiate che qualcuno possa farvi causa per violazione della privacy, se mettete la sua foto online o la taggate.
Non va dimenticato che Facebook non dimentica mai, e esistono Agenzie che addirittura memorizzano il più possibile di quello che è apparso del vostro profilo, anche usando in maniera inappropriata le varie app che si aggiungono o utilizzando quello che possono vedere (e taggare)i vostri contatti.
Di conseguenza se postate foto o testi riguardo a qualcuno state attenti perché potrebbe sostenere che gli avete rovinato la reputazione. Non lo diciamo noi ma in America queste cose sono all’ordine del giorno e iniziano anche qui ( In America a volte gli Avvocati sono un po’ esagerati perché alcuni girano in moto per la città e inseguono le ambulanze sperando che chi ha avuto un incidente voglia fare subito causa al responsabile…)

Un esempio della portata della legge sulla privacy è quello di una cartolaia di Genova che è stata denunciata per violazione perché aveva esposto in vetrina una cornicetta da vendere con la foto della classe dell’asilo del nipotino; la madre di uno di questi bambini le ha chiesto i danni.

Utilizzare Twitter e WhatsApp!
Queste due tecniche sono ancora più veloci di Facebook e immediate; ad esempio un venditore genovese di primizie le usa per informare i Clienti degli ultimi arrivi.
Proprio perché sono così immediate a volte si rischia di postare materiale inappropriato, in modo particolare in merito alla privacy (Come meglio descritto nella sezione precedente): se vi viene voglia di far vedere che nel locale è in corso una bellissima festa attenzione alle foto dei Clienti che stanno bevendo, non tutti voglio farlo sapere al mondo, mogli, fidanzate, al Capo …
Se, invece, utilizzate in maniera intelligente e non martellante queste tecniche potreste aver una ottima cassa di risonanza a costo zero e sempre aggiornata.

Accettare ordini e prenotazioni via mail o SMS
Ormai è sempre più diffusa l’abitudine di ordinare via mail o SMS. E’ una possibilità che si può sfruttare attraverso i nuovi telefonini, anche non avendo un computer nel locale.

La soluzione migliore è quella di un sito web dedicato, ma se i vostri Clienti conoscono già le vostre offerte potete facilmente iniziare in maniera semplificata, eventualmente sviluppandola in un secondo tempo.

Read More

Cosa Sono le Carte di Credito Alto Plafond

Le carte di credito con plafond alto offrono una grande flessibilità e copertura finanziaria, ma possono essere molto pericolose per persone che non riescono a programmare bene le proprie spese. Queste carte sono particolarmente utili per persone che hanno bisogno di grandi quantità di denaro immediatamente disponibili, come i piccoli imprenditori.

Queste carte di credito sono concesse a persone fisiche e piccole imprese con un’ottima reputazione finanziaria. I tipi più comuni sono le carte “platino”, offerte dalla maggior parte delle banche e compagnie. Spesso offrono tassi di interesse molti bassi per periodi di lunga durata. Pertanto, l’utilizzo delle carte richiede una programmazione finanziaria responsabile.

L’accesso a questo tipo di carte dipende da fattori che variano da compagnia a compagnia. Il modo migliore per essere approvati e ottenere un plafond alto è avere un’ottima reputazione finanziaria, pochi debiti insoluti e alte entrate. Nella maggior parte dei casi, sarà più semplice ottenere una carta se avete una piccola impresa. Se svolgete delle consulenze o lavorate come freelance part time, potreste comunque aprire una piccola attività. Talvolta è possibile ottenere una carta business anche se non avete una vostra attività. Basta scrivere il codice fiscale al posto della partita IVA sulla vostra richiesta.

Uno dei modi migliori per utilizzare una carta ad alto plafond è approfittare del primo periodo (durante il quale usufruite di condizioni più convenienti) per trasferire denaro da altre carte di credito. Se il periodo introduttivo ha un tasso dello 0%, avrete molto tempo per pagare gli interessi senza incorrere in ulteriori spese. In questo modo, una carta ad alto plafond può potenzialmente aiutarvi a risparmiare centinaia se non migliaia di euro di spese.

Il tipo più comune sono le carte di credito per consumatori. Le carte per le piccole imprese tendono ad avere limiti molto alti, spesso a partire da 25.000 euro. Per poter avere una di queste carte dovete possedere un’impresa – a responsabilità limitata o meno. Dopo aver registrato la vostra nuova compagnia, potrete ottenere questo tipo di carta di credito. Molte di queste carte offrono rimborsi e vantaggi se le utilizzate per operazioni legate all’impresa, ad esempio l’acquisto di materiale per l’ufficio.

L’accesso a questo tipo di carte di credito può influire sulla possibilità di ottenere prestiti o ulteriori carte di credito, dal momento che chi valuta la vostra richiesta terrà conto dei crediti ai quali avete accesso.
Se volete fare l’uso migliore di una carta ad alto interesse, pagate gli interessi mese per mese. In questo modo risparmierete denaro e farete aumentare il vostro credito e la vostra sicurezza finanziaria. Rimandate il pagamento degli interessi al mese successivo soltanto se vi trovate in una situazione di emergenza.

Read More